eng
eng
Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Prenota un percorso Educational
Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
success
fail
Scuola Primaria
Prenota un percorso Educational
Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I° grado
Prenota un percorso Educational
Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II° grado
Prenota un percorso Educational
Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Prenota un percorso Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Invia la tua richiesta per una visita guidata alla Fondazione Pirelli

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Digita qui il testo da cercare nel sito di Fondazione Pirelli
Federico Fellini, James Bond e Jerry Lewis: le recensioni di Morando Morandini sulla rivista “Pirelli”

“Tirate le somme, questo James Bond non ci va a genio”. L’esordio del critico cinematografico Morando Morandini sulla rivista “Pirelli” n° 1 del 1965, con la rubrica Cinema allo specchio, è già tutto un manifesto programmatico. Da poco passato al quotidiano Il Giorno, dopo quasi un decennio alle pagine di cinema e televisione della Notte, Morandini inizia la sua collaborazione con la rivista ”Pirelli” occupandosi di uno dei fenomeni cinematografici del momento: le avventure dell’Agente di Sua Maestà Britannica 007. Quando ne scrive in Chi ha paura di James Bond? nel gennaio del 1965, –  sono già usciti nelle sale Licenza di uccidere (1962), Dalla Russia con amore (1963) e Missione Goldfinger (1964): ma a lui questo James Bond non piace, e neppure gli piace granché il suo creatore letterario Jan Fleming, dalla “narrativa ferroviaria e snobistica”. Morandini fa subito capire all’eterogeneo pubblico dei lettori di Pirelli che a lui la fiction d’avventura all’americana proprio non va a genio. E ne fa le spese anche “l’incredibile Aston Martin DB5 coupé (costo: 17 milioni di lire!)” con le sue mitragliatrici, il suo spargitore d’olio e i sui mozzi trinciatori di pneumatici. Non ama gli eccessi, Morandini. Infatti dopo due interventi su film tutto sommato non popolarissimi  –Amleto del russo Kozincev, 1964, e il Processo a Giovanna d’Arco di Bresson, 1962- ecco che la critica arriva a Federico Fellini. Il colore degli spiriti, sulla rivista “Pirelli” n° 5-6 del 1965, se la prende soprattutto con la Giulietta protagonista del film appena uscito nelle sale cinematografiche: l’attrice è Giulietta Masina, al suo terzo personaggio “felliniano” dopo Gelsomina e Cabiria (La strada, 1954 e Le notti di Cabiria, 1957). “Diremo subito che questa Giulietta, cuore del film, non convince nè avvince. Questa Giulietta non ci interessa. E’ una seria professionista, non una grande commediante”. Non che il critico non ammiri comunque il mondo barocco e stravagante di Fellini, però “anche l’aspetto magico del film ci lascia perplessi. Un catalogo illustrato dell’universo fellininiano? Esatto”. Ma non va molto meglio neppure all’americano Il caro estinto, diretto da Tony Richardson nel 1965 in nome del classico “humour inglese”: una commedia grottesca  che nelle parole del critico “dà l’impressione di essere un racconto un po’ pletorico, lacunoso… forse proprio perchè ha un’allure disordinata, sgangherata”.  Peraltro il film non spopolò al botteghino.

Fin qui il Morando Morandini critico implacabile  -come è suo dovere-  del cinema contemporaneo. Ma la rubrica Cinema allo specchio, continuata sulle pagine della rivista pirelliana fino alla fine del 1967, riesce spesso a essere anche una coltissima analisi di precisi filoni cinematografici, come è il caso dei film bellici in Il giuoco della guerra  (n° 5 del 1966) o della commedia comica americana in Jerry Lewis ultimo buffo (n° 2 del 1967), oppure una profonda e dolente riflessione sul ruolo dei festival cinematografici come in Festival offresi (n° 4, 1966). Grandioso il ritratto che il critico fa di Spencer Tracy, gigante di Hollywood in coppia con Katharine Hepburn in Tre ricordi (n°4 del 1967).
L’ultimo contributo alla rubrica Cinema allo specchio  -sulla rivista n° 6 del 1967-  è Il Leone si è annoiato, e il titolo dice molto. Morandini parla di Buñuel, di come “a sessantasette anni il cinema non gli interessa più: ha chiuso con Belle de Jour, tratto da un romanzo di Kessel che non gli piaceva”. Il grande regista spagnolo ha girato Un chien andalou e L’âge d’orViridiana e Los olvidadosNazarin e Diario di una cameriera. Dopo il capolavoro Bella di Giorno aveva detto che “ne aveva abbastanza di cercare gli angoli per la macchina da presa e dire baggianate agli attori”. Giudizi diretti, incisivi, che nel tempo hanno reso Morando Morandini una delle voci più autorevoli della critica cinematografica italiana. E che oggi possiamo rileggere sulle pagine della nostra rivista “Pirelli”.

IMPORTANTI INFORMAZIONI SUI COOKIE

Questo Sito utilizza Cookie di profilazione di terze parti, per inviarle pubblicità in linea con le sue preferenze.
Se vuole saperne di più o negare il consenso all’utilizzo di tutti o di alcuni Cookie può consultare la nostra Cookie Policy.