Il valore di un’antologia

Umanesimo industriale. Antologia di pensieri, parole, immagini e innovazioni è un progetto editoriale a cura della Fondazione Pirelli, che documenta la straordinaria esperienza di «Pirelli. Rivista d’informazione e di tecnica», pubblicata fra il 1948 e il 1972 e la cui collezione completa è conservata nel nostro Archivio Storico. Si tratta dei 131 numeri originali della Rivista, a cui si aggiunge un fondo fotografico di 6000 immagini fra negativi, diapositive, fotocolor e stampe a colori o in bianco nero. Sono 3500 le fotografie pubblicate a corredo degli articoli originali e quasi 2500 quelle inedite, in parte selezionate per l’antologia, in parte destinate a questo sito. All’interno del volume gli articoli sono stati riuniti in sezioni tematiche: ad aprire la selezione antologica, la sezione «Pirelli, parliamo di noi», con una serie di testi dedicati all’azienda e ai suoi prodotti preceduti dal primo editoriale dell’allora Presidente Alberto Pirelli.

Al turismo nazionale e oltre frontiera sono dedicati i «Racconti di viaggio», spesso declinati in grandi reportage fotografici o corredati da illustrazioni d’autore, mentre l’universo dello sport è affidato alle «cronache» su automobilismo e calcio, ciclismo e vela. E poi la mobilità di massa – se ne parla in «Una società in movimento» – e la trasformazione dei costumi e dei consumi, indagata attraverso le inchieste sulla televisione, l’istruzione e il rapporto fra lavoro e tempo libero. Negli anni, la Rivista è stata testimone dei mutamenti economici e politici italiani e internazionali, dei progressi della scienza e della tecnologia, dell’attenzione alla tutela dell’ambiente e del paesaggio. Una pubblicazione a vocazione «politecnica» non poteva non occuparsi di architettura e design, di arte e letteratura, affidandosi alla voce dei protagonisti e degli interpreti di questi mondi.

L’antologia consente di seguire l’evoluzione delle scelte editoriali nell’avvicendarsi delle redazioni: da Arturo Tofanelli, ideatore e direttore della Rivista fino al 1957 con Giuseppe Luraghi e Leonardo Sinisgalli, ad Arrigo Castellani, fino ad arrivare a Gianfranco Isalberti nell’ultima fase della sua storia. Il volume propone inoltre al lettore una visione prospettica degli stili dell’epoca attraverso la riproduzione del loro impaginato originale. Rispetto agli house organ aziendali editi negli stessi anni, la Rivista Pirelli si distingue fin dai primi numeri per l’interesse manifestato, oltre che verso la poesia e la letteratura, nei confronti delle arti figurative, diventando presto un modello di riferimento per le successive esperienze di pubblicazione aziendale.

Note editoriali

Gli articoli della Rivista Pirelli selezionati all’interno del volume Umanesimo Industriale e in parte pubblicati su questo sito sono riprodotti nel rispetto dello stile originale, in modo da mantenere intatti il “colore” della lingua e il suo variare nel corso degli anni. Trattandosi di una raccolta antologica, alcuni contribuiti sono stati sottoposti a stralci, opportunamente segnalati. Si è deciso di non intervenire sulle difformità redazionali da un testo all’altro, privilegiando i criteri di uniformità solo all’interno dei singoli testi e pochi interventi di natura grafica per agevolare la lettura. Tutte le titolazioni sono state uniformate per mettere in evidenza non solo gli autori dei testi, ma anche i nomi dei grandi fotografi che insieme a noti illustratori, pittori e designer hanno contribuito nel tempo a caratterizzare le pagine della Rivista. Le immagini a corredo degli articoli pubblicati selezionate per questo progetto editoriale sono accompagnate dalle didascalie originali, mentre tutte le fotografie e le illustrazioni non presenti in origine sulla Rivista sono munite di note esplicative e del riferimento all’eventuale provenienza dal nostro Archivio Storico. Con un duplice scopo: “raccontare” la Rivista in una veste grafica rinnovata e contemporanea e il ricco patrimonio di immagini che la nostra Fondazione custodisce e valorizza.

IMPORTANTI INFORMAZIONI SUI COOKIE

Questo Sito utilizza Cookie di profilazione di terze parti, per inviarle pubblicità in linea con le sue preferenze.
Se vuole saperne di più o negare il consenso all’utilizzo di tutti o di alcuni Cookie può consultare la nostra Cookie Policy.